21 Giorno: Berger - Tau

Gallery del giorno12 Luglio 2009

 

Bergen - Osoyro - Haljem Traghetto per Sandvikvag - Leirvik - Galleria sottomarina per Valevag - Ares - Traghetto per Mortavika - Vikevag - Tunnel sottomarino per Stavanger - Sanndenes - Lauvvik- Traghetto per Forsand-Jorpeland - Tau Km 298
In considerazione che la tappa odierna prevista è lunga e laboriosa partiamo prestissimo. Imbocchiamo la E 39 che ci conduce ad OSOYRO e quindi al porto di HALIEM da dove poco dopo le otto siamo già sul traghetto, a quell’ora completamente deserto, direzione SANDVIKA sull’isola di STORD . Qui invece di continuare sulla E39 prendiamo la Rv545 che attraversa l’isola dalla parte dell’Oceano. Un po’ ci pentiamo della scelta la strada pur scorrendo veloce tra l’Oceano alla destra e laghetti e montagne sulla sinistra non offre nulla di particolarmente rilevante rispetto a ciò che siamo abituati a vedere. Arriviamo a DIGERNES dove incrociamo la E39 e ci infiliamo nel primo tunnel della giornata: il Bomlafjordtunnelen dalla pendenza 9% e che ci porta a 260 metri sotto il livello del mare. Rivediamo la luce del sole a VALEVAG dove continuando con E39 procediamo rapidi e senza sosta superando prima FORDE , VAGAKSDAL e dopo un bel po’ di ponti arriviamo a ARSVAGEN dove prendiamo il traghetto per MORTAVIKA. Proseguiamo sulla E39 e dopo due lunghi tunnel sottomarini arriviamo a RANDEBERG e quindi a STAVANGER. Fermata per il pranzo. Andiamo a visitare la GAMLE ( vecchia) STAVANGER un quartiere di viuzze acciottolate che scorrono ai lati di case di legno dell’inizio del XVIII° tutte colorate,perfettamente tenute e abbellite in ogni dove da curati vasi di fiori . Oggi queste abitazioni ospitano studi d’artista e laboratori artigianali di ogni genere, dove si vendono quadri, ceramiche,tessuti , gioielli fatti a mano e altro. Quello che colpisce di più è l’ordine, la pulizia e l’estrema cura anche dei dettagli di tutto il quartiere. Ci rechiamo a visitare il Museo del petrolio. L’edificio appare come una piattaforma di trivellazione in attesa di essere rimorchiata in mare aperto. Qui scopriamo la tecnologia d’avanguardia a livello mondiale in campo petrolifero di cui è dotata la Norvegia. In particolare sono colpito da un plastico da cui possibile farsi un’idea della grandezza della piattaforma marina TROLL (supera di 100 mt. La torre Eiffel ).E pensare che la storia del petrolio Norvegese è recente : ha inizio solo nel 1969. I filmati esplicativi sono tanti e facciamo a tempo a vedere anche un film ambientato tra i palombari. Ci sono trivelle, batiscafi e tutto ciò che è indispensabile alle perforazioni per la ricerca e l’estrazione del petrolio e tutto messo in maniera tale da poter essere usufruito anche dai bambini come spesso avviene in questo paese. Usciti dall’edificio ci rechiamo a visitare la Cattedrale ( Domkirken) . Costruita intorno al 1100 è dedicata a S. Swthun. L’edificio romanico in parte distrutto da un incendio nel 1272 fu ricostruito in stile gotico e fiancheggiato da due torri quadrate .Il contesto in cui è posizionato e molto bello e curato. Vorremmo gironzolare ancora un po’ ma si sono fatte le 17 e siamo ancora lontani dalla nostra meta odierna: come si sa da queste parti tutte le attività cessano intorno alle 18.00. Riprendiamo la E39 fino SANDNES e quindi la Rv13 fino a LAUVVIK dove ci attende un traghetto per FORSAND. Sbarcati attraversiamo con un ardito ponte il Lysenfjord e arriviamo a JORPELAND . Saliamo verso il PREIKESTOLEN , oggetto della mia escursione l’indomani, ma non troviamo posto sia nel campeggio che nell’albergo e dobbiamo gironzolare parecchio sorbendoci un bel po’ di Km in più arrivando a una quindicina di Km dopo TAU prima di trovare un alloggio. In compenso la Hytte è molto grande e dormo in camera da solo e questo mi fa comodo perché domani mattina mi alzerò molto presto per andare a fare l’escursione sul PREIKESTOLEN e non voglio disturbare il mio amico. Questa sera visto quanto abbiamo in dispensa decidiamo per una abbondante pasta e fagioli che divoriamo voracemente. Riesco a inviare qualche foto della giornata tramite internet prima di crollare distrutto sul letto.

<< 20 Giorno